Rosetti-costitution Rosetti-documenti Rosetti-transandina

Non categorizzato

 

Fondazione Italia - Argentina

Emilio Rosetti

 

Via Campri 39

47034 Forlimpopoli FC

Telefono +39 0543.742018

Fax +39 0543.470536

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

dott.ssa Chiara Arrighetti

“La Romagna. Geografia e storia per l’ing. Rosetti

 

La Romagna

Quando nel 1894 viene pubblicata per la prima volta “La Romagna. Geografia e storia” per i tipi della casa editrice Hoepli - specializzata in testi di carattere tecnico-scientifico - l’ing. Emilio Rosetti è impegnato in una serie di viaggi che ormai da diversi anni lo portano ininterrottamente da una parte all’altra non solo dell’Europa, ma del mondo intero.
Molti di questi ricordi sono trascritti nei quattro volumi autografi delle Memorie, nelle quali il Rosetti descrive, giorno dopo giorno, i più remoti angoli visitati.
Non abbiamo traccia alcuna, invece, della genesi de “La Romagna", che sicuramente impegnò il Rosetti per un tempo lunghissimo con ricerche laboriose e non sempre facili presso archivi e biblioteche della regione.
Sappiamo, per testimonianza del figlio Doro, che nella sua casa di Buenos Aires l’ing. Rosetti conservava un ragguardevole numero di libri di storia romagnola, alcuni anche antichi e molto rari, che servirono  per i numerosi saggi monografici  che accompagnarono la pubblicazione della sua opera principale.

La romagna Edizione curata dal Prof. Corrado MatteucciFrutto dello spirito positivista che egli aveva appreso ancora giovanissimo alla Regia Scuola di Applicazione per gli Ingegneri di Torino, l’opera rimane legata alla cultura tecnica del suo Autore che - considerando tutti gli aspetti empirici delle realtà locali - intende tracciare un orizzonte panoramico della terra di Romagna per offrirne uno studio trasversale.
Anche nelle voci monografiche che trattano argomenti di carattere sociale - e che sono forse le parti più interessanti - egli conduce un’analisi che non è frutto di considerazioni soggettive, ma risultato di una ricerca statistica approfondita e precisa.
Il quadro che ne esce è quello di una Romagna non solo folklorica o scontata, ma - come avrebbe detto il Rosetti stesso - finalmente scientifica; una Romagna per la prima volta definita nei suoi confini geografici e culturali.
La romagna, ristampa del 2009L’ultima edizione della “La Romagna. Geografia e storia” è del 1995, pubblicata con il contributo del Comune di Forlimpopoli, della Provincia di Forlì - Cesena, della Provincia di Ravenna e Circondario di Rimini, nonché con la collaborazione dell’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali e della Soprintendenza per i Beni Librari e Documentari della Regione Emilia - Romagna.
Composta da un’introduzione sui confini della Romagna, un sunto storico dall’epoca preistorica fino all’unità di Italia, un dizionario fisico-geografico-storico (ove vengono analizzate centinaia di località in ordine alfabetico), dalle rettifiche-aggiunte apportate successivamente dal Rosetti stesso, da un ’introduzione di Stefano Pivato e dalla biografia scritta da Corrado Matteucci, primo presidente della Fondazione, l’edizione del 1995 risulta ormai esaurita.
In occasione del primo centenario della morte dell’ing. Rosetti, la Fondazione a lui intitolata  ha editato una nuova edizione de “La Romagna. Geografia e storia", che diviene punto di riferimento imprescindibile per studiosi e appassionati che si vogliano avvicinare a tali indagini.

 

 

La Romagna di Rosetti:

Riscoperta di una realtà regionale

Rientrato in patria, dopo uno straordinario percorso professionale in Argentina, Emilio Rosetti (Forlimpopoli 1839- Milano 1908) si occupa negli ultimi anni della sua esistenza agli studi di storia locale.  Nel 1894, accompagnata da una nutrita costellazione di scritti monografici, esce per i tipi di Hoepli La Romagna. Geografia e storia per l’ing. Rosetti.

Lontano dagli stereotipi letterari dell’epoca e dai luoghi comuni romagnolisti, nonché da richieste di autonomia politica, Rosetti proietta la sua ricerca di definizione territoriale in un ambito scientifico - naturalistico sempre e comunque sostenuto da criteri culturali.  “Perché quel disegno della Romagna – come già ricordava Lucio Gambi – ha fisicamente la logica, l’armonicità e la coesività di una perfetta architettura”.

Presso la Biblioteca Malatestiana di Cesena, sabato 21 maggio 2016 alle ore 15:00, verranno approfonditi, nel primo di una serie di incontri, alcuni aspetti dell’opera fondamentale dell’ingegnere forlimpopolese con una premessa alle nuove conoscenze acquisite grazie alle ultime indagini condotte.

 

 

 

Informativa sull'uso dei cookie

 

Cosa sono i Cookie

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al Sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dalle impostazioni del singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Cookie proprietari: sono i cookie impostati dal sito internet visitato dall'utente.

Cookie di terze parti: sono i cookie impostati da un dominio diverso dal sito internet visitato dall'utente.

Cookie di sessione: sono i cookie attivi solamente durante una sessione del browser. Permettono la connessione di tutte le attività effettuate dall'utente durante la sessione del browser. I cookie di sessione vengono cancellati quando il browser viene chiuso.

Cookie persistenti: sono i cookie che rimangono nel PC anche dopo la fine della sessione del browser. Vengono riattivati ad ogni visita successiva del Sito da cui provengono, e rimangono per un tempo prolungato sul disco fisso del terminale. I cookie permanenti possono rimanere nel computer per giorni, mesi o persino anni.

Tipologie di Cookie utilizzati

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da questo Sito in funzione delle finalità d’uso:

Cookie Tecnici strettamente necessari

Permettono il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti. Nel caso modifiche delle impostazioni del browser dell'utente neghino la loro ricezione, questo inficierà la corretta visualizzazione delle pagine del sito.

Questo Sito utilizza cookie Tecnici.

Cookie di analisi e prestazioni

Utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del Sito. Queste informazioni sono utilizzate in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questi raccolgono dati in forma anonima sull’attività dell’utenza.

Questo Sito utilizza cookie analitici.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

Questo Sito non utilizza cookie di profilazione.

Cookie di terze parti

Social Plugin

Nel sito possono essere utilizzati “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+, LinkedIn e Tripadvisor.

La presenza “social plugin” per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn e Tripadvisor comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informativa: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Google Analytics

Nel sito possono essere utilizzati cookies di Google Analytics.

Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo dei siti web (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte e elaborate da Google Analytics allo scopo di redigere report anonimi riguardanti le attività sui siti web stessi.

Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione.

Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia ai links link di seguito indicato:
https://www.google.it/policies/privacy/partners/
https://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:
https://tools.google.com/dlpage/gaoptout/

YouTube

Nel sito possono essere incorporati video presenti su YouTube.

Questi video, quando visionati, impostano cookies di terze parti sul Suo computer o sul Suo dispositivo mobile, appartenenti al dominio di YouTube, per poter migliorare le funzionalità di riproduzione video e raccogliere informazioni in formato anonimo sui video visionati dall’utente.
La finalità di questi cookies è descritta nell’informativa sull'utilizzo dei cookie di Google:

https://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/

Google Maps

Nel sito possono essere incorporate mappe di "Google Maps".

Queste mappe, quando visionate, impostano cookies di terze parti sul Suo computer o sul Suo dispositivo mobile, appartenenti al dominio di Google.
La finalità di questi cookies è descritta nell’informativa sull'utilizzo dei cookie di Google:

https://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/

Gestione dei Cookie

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito agli utenti registrati e non. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.

La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

Chrome

  1. Eseguire il Browser Chrome
  2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Impostazioni
  4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=en

Mozilla Firefox

  1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  3. Selezionare Opzioni
  4. Selezionare il pannello Privacy
  5. Fare clic suMostra Impostazioni Avanzate
  6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitati o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
https://support.mozilla.org/en-US/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Internet Explorer

  1. Eseguire il Browser Internet Explorer
  2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  3. Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies

Safari 6

  1. Eseguire il Browser Safari
  2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet
  4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
https://support.apple.com/kb/PH17191?locale=it_IT

Safari iOS (dispositivi mobile)

  1. Eseguire il Browser Safari iOS
  2. Tocca su Impostazionie poi Safari
  3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
https://support.apple.com/it-it/HT201265

Opera

  1. Eseguire il Browser Opera
  2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata:
http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

 

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

 

 

Fondazione Italia - Argentina  "Emilio Rosetti"

 

ERNESTO TEODORO MONETA E DORO ROSETTI

stemma Moneta

Ernesto Teodoro Moneta, unico Premio Nobel italiano per la Pace (1907), era di antichissime origini. Sembra che il cognome fosse nel passato “De Monetariis”, essendo alcuni componenti della famiglia zecchieri ufficiali.

Moneta militareA Milano vi è ancora Via Moneta, ove si innalzava un tempo la casa magnatizia con la torre a controllo della strada ora conosciuta come via Zecca Vecchia.

I Moneta ebbero la qualifica di “arimanni” nell’epoca longobarda (la classe dei guerrieri), parteciparono ad una crociata, furono guelfi combattenti, magistrati, sacerdoti.

Ernesto Teodoro Moneta, nato nel 1833 quando la famiglia era già in parte decaduta, era il terzo di tredici fratelli. Il padre Carlo, un ardente patriota, spinse i figli alla lotta di liberazione dall’Austria. Tanto che Ernesto Teodoro, benché quindicenne, si impegnò a Milano, nel marzo ’48, ad organizzare assieme ai fratelli ed alle sorelle le barricate contro i soldati austriaci.Successivamente, adulto, egli si imbarcò per partecipare alla spedizione dei Mille, divenendo l’aiutante di campo del Generale Sirtori ed ufficiale di collegamento.

Sarà del 1866 l’abbandono del servizio militare, dopo aver partecipato a tutte le guerre d’Indipendenza, per dedicarsi completamente al giornalismo. Nell’anno successivo gli viene, infatti, affidata la direzione del giornale milanese “Il Secolo”, punto di riferimento del vasto movimento di pensiero socialista e democratico, dei grandi ideali universalistici e delle tensioni nazionalistiche post-unitarie.

Moneta caricaturaDa quelle pagine Moneta diffonderà anche quella cultura europea, allora talvolta definita d’appendice, pubblicando a puntate romanzi firmati da scrittori come Hugo, Sand, Verne e Dumas che tanto piacevano anche ad un pubblico meno colto. Integrando poi con notizie d’effetto sulla cronaca cittadina, egli si fece artefice dello stile moderno delle attuali testate. In seguito alla posizione presa dal suo giornale in merito ai fatti di Milano del 1898, egli dovette riparare all’estero e da quel momento la sua esistenza si identificò nella causa della pace.

Attraverso convegni, dibattiti, pubblicazioni di testi e periodici, Moneta si configurò come un pacifista ante litteram teso alla diffusione dei principi della democrazia e dell’educazione, dell’equità e del rispetto. Egli ebbe l’onore, tra l’altro, di inaugurare il primo Congresso nazionale della Pace a Roma.

Quando venne a mancare il primo presidente dell’ ”Unione Lombarda per la Pace e l’Arbitrio Internazionale” - che confluirà poi nella “Società per la Pace e la Giustizia internazionale” - Teodoro Moneta fu nominato suo successore. Da quel momento l’operatività del Premio Nobel si concentra, anno dopo anno, su una serie di iniziative di grande spessore.

Nel 1898 fonda il quindicinale “La Vita Internazionale”, alla quale collaborarono scrittori e studiosi del calibro di Lev Tolstoij (che per la rivista inviò un articolo “Carthago delenda est” nel quale sviluppava il tema della non violenza), Felice Momigliano, Gaetano Salvemini, Cesare Lombroso, Alfredo Panzini, Ada Negri e Pasquale Villari.

E’ del 1907 l’assegnazione del più importante riconoscimento a livello internazionale. Alfred Nobel lasciò, infatti, scritto nel suo testamento che il Premio per la Pace sarebbe dovuto essere assegnato alla "persona che avrà fatto il più grande o il miglior lavoro in favore della fraternità tra le nazioni, per l'abolizione o la riduzione degli eserciti regolari e per il mantenimento e la promozione di congressi di pace”.

Francobollo dedicato a Moneta

Doro, terzogenito dell’ing. Emilio Rosetti, sarà il continuatore dell’opera di Teodoro Moneta.

Nato a Buenos Aires il 27 marzo 1877, egli non seguirà le orme paterne, ma diverrà uno degli avvocati più prestigiosi di Milano, dopo aver assolto ai suoi “doveri” militari come ufficiale d’artiglieria durante la Grande Guerra.

Anticipando in un certo senso il ruolo che poi spetterà alla Sig. ra Diana (figlia del fratello Delio ed ultima discendente), sarà custode delle memorie familiari e si dedicherà a scopi che oggi si definirebbero umanitari.

Tessera Società per la Pace

Morto Ernesto Teodoro Moneta, nel 1918, (la sorella del quale era andata in sposa ad Emilio Rosetti), Doro assume la presidenza della “Società per la Pace e la Giustizia Internazionale” fondata dallo zio nel 1887.

Successivamente diviene presidente della Associazione per la Pace Italia- Argentina, ed infine a Ginevra, tre anni prima della morte avvenuta nel 1963, prende l’incarico di vice-presidente dell’Unione Internazionale delle Società per la Pace, forse come attestazione di merito per essersi adoperato con impegno incessante affinché, nella Costituzione Italiana, fosse inserito, caso unico tra le Costituzioni del tempo, l’Art. 11: “l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo”.

Articolo posto nella Costituzione Italiana nella parte dei "Principi fondamentali", da cui consegue che dallo stesso non possono che scaturire "veri e propri vincoli giuridicamente rilevanti" e non delle semplici dichiarazioni ad uso di politica estera.

 Doro Rosetti a Buenos Aires 1930

 

 

La Rivista quindicinale “Vita Internazionale” diretta da E.T. Moneta e poi da Doro Rosetti. (da Riva e Ronzoni “Un Milanese per la Pace E. T. Moneta” Ed. Bellavite, 1997)All’’avvocato Doro Rosetti viene inoltre affidato la direzione dell’organo ufficiale della “Società per la Pace e la Giustizia internazionale”, “La Vita Internazionale”, sempre interessata a temi culturali, scientifici, artistici e politici. L’avvocato Doro Rosetti ricoprì, inoltre, 

per 36 anni consecutivi la carica di Console Generale del Touring Club Italiano, divenendo uno dei fautori ed iniziatori delle prime autostrade italiane.

 

 

Morirà nel 1963 a Milano, dopo aver lasciato, come lo zio materno Ernesto Teodoro Moneta ed il padre Emilio Rosetti, un segno indelebile nella storia e nella cultura dell’Ottocento.

Sottocategorie

Studi Rosettiani

 

Eventi Organizzati dalla Fondazione E.Rosetti

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.